Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | December 2, 2021

Scroll to top

Top

No Comments

Fame di libri? Letture #foodcultural

Fame di libri? Letture #foodcultural
Daniela Ferrando

Fame di libri e di lettura e anche sete. O semplice, golosa curiosità. O esigente, filologica mania. O attenzione ai temi caldi del nostro tempo. Ecco qui non solo libri e ricettari, ma anche report aziendali. Queste letture foodcultural sono recenti uscite, da sfogliare e gustare. Mi sono piaciute e, anzi, vi dico soprattutto per che cosa. Sfogliate assaggiate gustate anche voi.

Ode alle cipolle, un libro stratificato

Le cipolle fanno piangere, quelle cattivone. Eppure sono buonissime, deliziose, dolci, immensamente versatili, eleganti. Lo dimostra Giovanna Nobile aka La Cuoca Eclettica – fotografa, recipe developer e food stylist. Giovanna le ha trattate in 40 ricette dall’antipasto al dessert. Usando varietà da tutta Italia: le bianche, le dorate, le rosse, i cipollotti, gli scalogni fighetti. La mia interpretazione preferita, a pag. 52, con le cipolle dorate di Voghera, il Risotto con cipolle, formaggio salva e cioccolato.

Giovanna Nobile
Ode alle Cipolle
Trenta Editore, collana 30 Assaggi
€ 18

Effervescenze diverse, glu-glu con vini, birre, sidro, idromele

Perché limitarsi ai soli vini, quando ci sono anche birre, sidro e idromele che hanno tanto da dirci? Michela Cimatoribus intercetta una tendenza – quella della naturalità, della fermentazione, del produrre artigianale, del ritorno all’ancestrale – e ne sviluppa la ricchezza. E no, non è la storia di una sommelière pentita, ma l’esplorazione frizzantina e documentata di una bevitrice curiosa. Viene voglia di bollicine, di assaggi e di pairing anche insoliti. Come quello che abbina sidro acidulo e pesce crudo.

Michela Cimatoribus
Effervescenze diverse
Trenta Editore, collana 30 Storie
€ 13

Venezia da bere (e da godere)

Uno crede di sapere tutto sui drink famosi veneziani e come e dove berli, poi ti arriva Alessandra Iannello che questo tutto lo mappa ingegnosamente. E, a celebrazione dei 1600 anni della Serenissima, ne esce un percorso mixologico per sestieri tra bàcari e pagine, calici e brindisi e soprattutto storie, personaggi e persone. Alessandra ha chiesto a 12 tra i più famosi chef locali il loro pairing ideale con spritz e Bellini e questa è una delle parti più golose del volumetto. Golosa come lo Scampo nudo in saor di Donato Ascani con lo Spritz al Select.

Alessandra Iannello
Venezia da bere
Il Forchettiere
€ 18

Cucinare il giardino, ma anche il bosco, il sentiero e il cortile

Non guarderete più allo stesso modo nemmeno le foglie. Figuriamoci fiori, pigne e radici, o addirittura drupe, cinorrodi, semi. Perché scoprirete quanti fiori e piante, non solo selvatici ma anche da giardino, hanno una vita segreta, commestibile. Grazie a Valeria Margherita Mosca, ricercatrice, ambientalista e forager, che dispensa ricette stagionali, sapere profondo e amore per la natura da cogliere e raccogliere. La mia pagina preferita? 67, con la pasta all’aglio orsino, olio e peperoncino che sembra cosparsa di stelle.

Valeria Margherita Mosca
Cucinare il giardino
Giunti Editore
€ 22

Creatività, memoria e territorio di uno chef stellato

Dice “io” senza timore, Pietro D’Agostino. Ci mette la faccia, ma anche i ricordi personali, le scelte compiute e pagate, i grandi numeri della cucina sulle navi e la cura maniacale del singolo piatto, l’amore della sua vita, una consapevole follia e, non è un paradosso, un’eccezionale umiltà. Il libro raccoglie una trentina di ricette di terra-acqua-fuoco-aria ed è backstage e scena dove queste appaiono. In attesa di provare La Capinera di Taormina, concupisco a pag 59 le Capesante con lenticchie di Leonforte e melanzana affumicata.

Pietro d’Agostino
Creatività, memoria e territorio
Trenta Editore, collana 30 Gourmet
€ 24

Emozionarsi in cucina, ma anche a emozionare a tavola

Alta Cucina Vegetale, così è definita quella di Marzia Riva, con precisione e con sentimento. Che poi Marzia, chef formatasi con Pietro Leeman e Simone Salvini, divulgatrice, non abbia un ristorante vero e proprio ma si sia inventata una sua taverna-scuola-delivery è un altro tratto distintivo. Nel libro, curato da Marina Caccialanza, ricette leggere, elegantissime vegane e colorate e il supporto nutrizionale di Ferdinando Giannone, onnivoro e garante di equilibrio. La preferita per ragioni affettive, l’Acquerello Autunnale (naming by Marco Lupi).

Marzia Riva
Emozionarsi in cucina
Trenta Editore, collana 30 Gourmet
€ 24

Perché anche i report aziendali sono foodcultural

Report, bilanci, profili. Sono interessanti, molto. Perché in un tempo come questo, in cui le aziende si assumono assumersi responsabilità e impegno nei confronti della sostenibilità, non bastano gli intenti o un patinato storytelling.

Quello che conta sono proprio le strategie, le azioni, i dati che ne derivano. Che si concretizzano in bilanci di sostenibilità, strumenti di rendicontazione ma soprattutto documenti consultabili e senz’altro letture istruttive, accessibili, spesso illuminanti.

Per questo segnalo e raccomando di scaricare e leggersi, per esempio, i bilanci di sostenibilità Berlucchi e SALOV. Una grande casa vitivinicola, un grande gruppo oleario che avendo cura anche dell’oggi e del piccolo, pensano in grande e al domani.

Daniela Ferrando

Submit a Comment