Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | October 19, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Modus bibendi 01: Le Majestic Barrière a Cannes. Con ricetta!

Modus bibendi 01: Le Majestic Barrière a Cannes. Con ricetta!
Daniela Ferrando

“Modus bibendi” significa, in latino, modo di bere. E somiglia a “modus vivendi”, cioè modo di vivere. Non scelgo i titoli a caso e ne cercavo uno per dire di ogni volta che il bere porta con sé racconti, approcci, ingredienti, personaggi e vite interessanti che meritano di essere raccontati.

Cannes Majestic Barrière piscina

Come Emanuele Balestra e il Le Majestic Barrière di Cannes, grand hotel della French Riviera, che si offrirà in primavera rinnovato e ristrutturato. Prendere nota.

Perché Emanuele Balestra, che sovrintende ai bar della struttura, è un influencer del bere miscelato, un mixologist dall’animo botanico, creatore di cocktail (e speciali gelatine, infusioni, acque aromatizzate, sfere ghiacciate profumate …) con le erbe e i fiori come ingrediente e ornamento.

Sensibile a tutto ciò che è vero e green, ambasciatore di un’estetica elegante che desta stupore, utilizza la flora locale e mediterranea in senso lato, avendo origini italiane, vivendo in Francia, ma avendo lavorato in mezzo mondo.

Emanuele Balestra Negroni camomilla

Al Majestic i suoi cocktail attirano un pubblico molto più allargato di quello degli ospiti dell’hotel.
Si confermano due tendenze: 1) vivere sempre più i bar e i ristoranti dei grandi alberghi anche come ospiti esterni e 2) bere cocktail mangiando – lo conferma Fabienne Buttelli, direttore comunicazione del Majestic Barrière.

Arnie sul tetto, un giardino segreto e … un cocktail col miele

Emanuele Balestra arnie

Qui siamo in Costa Azzurra. Ma quanti altri hotel sul mare conoscete che producono il proprio miele a KM0 grazie alle arnie sul tetto dell’hotel e grazie alla flora del proprio orto-giardino, gestito con criteri di lotta integrata – Emanuele parla infatti di maison des insects – e non con preparati chimici?

Emanuele amabilmente insinua che l’ape potrebbe essere la migliore amica del barman. E se fosse vero? L’utilizzo del miele in mixology apre nuovi orizzonti sensoriali. Perché il miele arrotonda il gusto di un cocktail con una varietà pressoché irripetibile di note floreali. D’altronde “miele sempre, zucchero mai” è uno dei repetita iuvant di Balestra.

E il miele è protagonista anche nella ricetta che abbiamo scelto e tradotto per BlogVs, dal nuovissimo libro di Emanuele Balestra “Majestic Cocktails” (Les Éditions du 30 Décembre, €24,90).

La ricetta: Bee fashioned (un Old fashioned riletto)

Emanuele Balestra cocktail Bee fashioned

Ingredienti per una persona
• Bourbon Woodford Reserve
• Miele aromatizzato al cedro dell’Atlante (o un miele monoflorale a piacere – arancio, eucalipto, lavanda, camomilla …)
• Limone di Mentone e arancia

Preparazione
• Versare 1,5 cucchiai da tè di miele e 8 cl di bourbon in un bicchiere da miscela. Diluire completamente il miele mescolando e scaldando il bicchiere col palmo della mano per ammorbidirlo.
• Pressare la buccia dell’arancia e del limone, per ricavarne gli oli essenziali.
• Posare una sfera di ghiaccio in un bicchiere da cognac. Farvi colare sopra la miscela. Bisognerà tenere i due bicchieri a una trentina di cm di distanza perché il liquido colpisca il ghiaccio. Il miele cristallizzerà e assumerà una consistenza più viscosa.
• Girare due volte con un cucchiaio mescolando, per raffreddare.

Presentazione
• Posare un cucchiaio raccogli-miele gocciolante sul ghiaccio per sottolineare la presenza del miele.

NB: Nota aggiuntiva di bellezza: volete i bicchieri artigianali bellissimi, di vetro con le bollicine che caratterizzano molti dei cocktail del Majestic? Andate poco lontano, a Biot, alla scoperta del verre bullé.

www.cannesbarriere.com
www.france.fr

Daniela Ferrando

[Immagini: ufficio stampa Hotel Majestic Barrière, iPhone di Daniela]

Submit a Comment