Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | November 17, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Induno Olona. Autunno di birra, di miele, di Liberty

Induno Olona. Autunno di birra, di miele, di Liberty
Daniela Ferrando

Io sono per le gite #foodcultural. Quelle dove visiti, assaggi, impari, memorizzi e poi racconti. Soprattutto memorizzi. Perché la memoria genera l’elaborazione e la voglia di condivisione. Infatti non vedevo l’ora di dirvi “prendete appunti”: il Birrificio Angelo Poretti di Induno Olona (provincia di Varese). La birra Mielizia.

Per raccontare, parto dai liquidi, arrivo ai solidi e torno all’immateriale. Sì, perché sono convinta che una degustazione dopo un viaggio esplorativo sia l’esperienza migliore per la memoria, tra cibo e cultura.

Birra e miele, due alimenti ambrati

La Mielizia è la birra autunnale del Birrificio Angelo Poretti – una 7 luppoli scaldata dalle note di miele di castagno e con un profilo aromatico dove si sentono forte il floreale e il maltato. Il luppolo predominante è il “EAST KENT GOLDING: classico inglese, fornisce aromi delicati di miele, limone e timo.”  Si tratta di una birra non filtrata, ambrata. Ricorda davvero il miele che la caratterizza.

Chi ama il miele, sa che il castagno è una fragranza dolce-amarognola, inconfondibile e raffinata e che è uno dei due mieli che si trovano sempre allo stato fluido. L’altro è il miele di acacia, dolcissimo. Ma è come parlare di un livello pro (castagno) versus un entry level (acacia).

raar la Mileizia 7 luppoli

Sapete leggere il “radar” sensoriale della Mielizia? È questa figura, simile a una ragnatela, che visualizza le informazioni appena descritte. Birra e miele: viva il color ambra.

Ma non di sola Mielizia si allieta l’autunno brassicolo in casa Poretti. Anzi, ogni stagione ha la sua Ricetta Stagionale. Più una gamma di birre signature. La più sfaccettata è probabilmente la 10 luppoli dorata, nata nel 2015 con Expo come birra ecumenica, esaltazione dei luppoli di ogni parte del mondo. Al Birrificio è possibile degustarle e acquistarle tutte. Sul sito, i loro profili. 

Il Liberty industriale del Birrificio. Sembra un set da cinema

Il Birrificio Angelo Poretti di Induno Olona è parte del gruppo e dello stabilimento italiano Carslberg. Edifici solidi, severi, eleganti, annidati in una conca boschiva, sovrastati dalla bellissima casa padronalevilla Magnani – realizzata nel 1905 da Ulisse Stacchini, lo stesso architetto della Stazione Centrale di Milano. La villa ospita uno spazio per degustazione ed eventi, ma meriterebbe una valorizzazione completa.


Lo stile dello stabilimento, disegnato dallo studio Bihl e Wolf di Stoccarda a inizio ‘900, è un bellissimo esempio di Liberty industriale. Stilizzato, floreale a tratti, bicolore giallo e grigio. Sono colori con un messaggio identitario e imprenditoriale: giallo, come la birra. Grigio, come l’acciaio e – simbolicamente – l’industria.

Sembra un perfetto set cinematografico o l’ambientazione quasi metafisica per uno shooting di moda. Invece lì si produce, anche se non tutti gli ambienti sono aperti al pubblico. Questione di igiene, di sicurezza, di protezione dei segreti industriali come la tecnologia draught master per la conservazione del prodotto.

Che cosa c’è da non perdersi?


La sala cottura, del 1908, con gli enormi e monumentali duomi di rame (sì, duomi. Dall’inglese “dome”, “cupola”).


La libreria dei luppoli – identificati da un’etichetta che ne specifica numero d’inventario, nome, gusto. Li si può toccare, annusare. Sono loro l’ingrediente distintivo nelle birre, grazie ai Mastri Birrai che li utilizzano a inizio cottura per estrarne gli umori amari o alla fine per donare più aromi.


Sempre nella sala cottura, il quadro comandi da dove sembra di guidare un’astronave.


La piastrellatura originale in ceramica, geometrica.


L’insegna Carlsberg, svettante sulla torre più alta. Il panorama, tutto.

Le scale interne di Villa Magnani. Gli esterni stessi della villa, le finestre sfasate sulla facciata d’ingresso, che confondono l’osservatore: a quale piano corrispondono?.

Come visitare il Birrificio


Una visita al Birrificio Angelo Poretti condotta dalle guide interne, che vi racconteranno storie e segreti e visioni della famiglia e dell’industria, è molto più che un percorso con meta la degustazione o lo spaccio aziendale.È un’esperienza bella che si deposita nella memoria. O che fermenta nella memoria, chissà!

Il Birrificio è uno dei luoghi del cuore del FAI.
Per una visita al sito – prenotazione obbligatoria – consultare la pagina web dedicata, qui.

Per una degustazione completa della gamma Angelo Poretti, a Milano:
“7 luppoli Birra e Cucina”, pub in viale Ortles 31/A

Pronti con i boccali?

 

Daniela Ferrando

[Immagini: iPhone di Daniela, Ufficio stampa Aida Partners]

Submit a Comment