Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | November 19, 2017

Scroll to top

Top

No Comments

Tre plus sui tour esperienziali, grazie a #botrugnoedintorni

Tre plus sui tour esperienziali, grazie a #botrugnoedintorni
Daniela Ferrando

Piatti, parole, paesaggi, propositi e progetti. Ogni viaggio è un contenitore e un articolo di BlogVs può uscire come una sequenza di piatti gustati. O di parole sentite e paesaggi ammirati – siano essi mare, terra, lago, case e monumenti. Oppure di propositi e progetti, facilitati da foto, come accade qui dopo un viaggio nel Salento meridionale.
#botrugnoedintorni_orecchiette_maccaruni_02_r
Comuni che fanno sistema
#botrugnoedintorni era il titolo del viaggio organizzato da Valeria Carluccio aka Jump in, agenzia specializzata in scambi con l’estero e progetti di valorizzazione del territorio. Botrugno è uno dei comuni protagonisti del tour, che si sono alleati per promuoversi, insieme a Poggiardo, Vaste, San Cassiano. Ma abbiamo anche lambito Castro, Lecce e Otranto. La regione Puglia si sta muovendo piuttosto bene – soprattutto con il coinvolgimento e la valorizzazione di territori di nicchia, meritevoli di storytelling. (D’altronde, come non spendere parole amorose per le orecchiette fatte a mano o un piatto di faveneddhe e cicureddhe!)
> PLUS: unirsi e coinvolgere territori di nicchia
#botrugnoedintorni_faveneddhe_cicureddhe
Tanti punti di vista intrecciati
Plurali e articolati, espressi da giornalisti e blogger (in quibus, ego) e studenti Erasmus a contatto con la realtà locale: un gruppo intelligentemente eterogeneo per età, culture, competenze culturali. Ognuno con mezzi diversi: scrittura, video, foto, interviste, documentari, disegni. Ognuno con parole diverse. Ognuno scegliendo il proprio format: mosaici di immagini, foto singole o instagram stories, lunghi commenti o scarne didascalie, un diario giornaliero o appunti provocatori, grandi foto narrative o di dettagli sfuggiti ai più.
> PLUS: Un racconto interessante è quello che si compone di una pluralità di voci e modalità e stili, che arriveranno ai rispettivi pubblici, col loro linguaggio.
FullSizeRender (7)
Una Puglia credibile. Una Puglia che crede.
A Botrugno, a Poggiardo, a Castro, negli uliveti minacciati dalla xylella, un comune denominatore è la speranza progettuale. Ne è portatrice una generazione di trentenni (ma non solo di trentenni, perché hanno alleati istituzionali e “figure paterne” di riferimento): chi gestisce una struttura e tende a recuperare il cibo della tradizione come i ragazzi del Parco Paduli e inventa contenuti ed esperienze per tutto l’anno; chi si mette a produrre miele come Adriano Negro; chi raccoglie e diffonde attentamente il patrimonio musicale della tradizione, senza farne commercio, come Antonio Romano; chi ricostruisce le epoche creando un Museo Civico delle Forze Armate e mappa il proprio tessuto sociale come i cittadini botrugnesi con la loro mappa di comunità e il progetto dell’ecomuseo; chi parte dall’archeologia per riscrivere la storia, come a Castro con la colossale statua di Atena-Minerva dissepolta nel 2015.
> PLUS: avere una visione generale, ma non smettere mai di rileggerla secondo nuovi angoli visuali.

Daniela Ferrando

#botrugnoeintorni_parco_paduli_ovo

PS vorrete sapere delle foto. In ordine di apparizione:
- Il Palazzo Marchesale di Botrugno (sede del museo Civico delle Forze Amate e del Museo della lametta da barba – ph da salento Viaggi)
- Orecchiette e maccaruni al pomodoro, faveneddhe e cicureddhe dalle mani della signora Nadia al B&B “Il Borgo” di Poggiardo
- il lago dell’ex cava di bauxite vicino a Otranto
- l’Ovo, installazione presso il Parco Paduli (foto dal sito ufficiale)
- il Faro di Punta Palascìa, il luogo più a Oriente di tutta Italia, il primo a vedere l’alba ogni giorno (ph Monica Viani)#botrugnoedintorni_faro_r

Submit a Comment

Current month ye@r day *