Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | August 26, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Sul leggio di BlogVs: Le Ciccionate di Francisco

Sul leggio di BlogVs: Le Ciccionate di Francisco
Emanuele Bonati

Come ci si comporta di fronte a un libro come questo, profondamente, volutamente, reiteratamente, violentemente, programmaticamente gastronomically uncorrect?

Lo si prende, lo si guarda, lo si sfoglia con il naso leggermente arricciato a evitare quel po’ di puzzetta che sembrerebbe emanare, il mignolo sollevato quasi a prendere le distanze, si inizia a criticare il criticabile (perché gli angoli delle pagine arrotondati? le pagine 174-175 sono stampate male…). E poi, un libro di due televisivi, per di più cresciuti nella cucina della “zia” Parodi (ah, devo comunque annotarmi la mia prossima mission: proclamare al mondo che la Benedetta non è poi proprio il male assoluto…).

foto[2]

E poi? Poi si inizia a leggere le parti diciamo in prosa – cioè non le ricette – e si trova una scrittura piacevole, simpatica. La stessa piacevolezza e simpatia sfoderate da Francisco e dal coautore Paolo Quilici durante la presentazione al pubblico, da Mondadori Cooks & Books, qualche mese fa. Un sacco di gente – giovani coetani coscrini compagni degli autori, fan del personaggio televisivo Francisco (non che sia automatico andare in tv e avere tanto pubblico), vari ed eventuali come il sottoscritto…

E i dolcetti ciccionati finali non erano male, hanno resistito nel giudizio positivo nonostante i miei ripetuti assaggi.

10921835555_a2bac50cf7_z

10922124793_37d5abfd96_z

10921794615_8429b03c24_z

 

E allora? Allora leggiamoci anche le ricette – anche perché magari ritrovo la ricetta della torta di mars e riso soffiato che avevo imparato mi sembra vent’anni fa, e chissà dov’è finita…

L’ho letto – leggiucchiato, guardato un po’ dappertutto, e mi è piaciuto. Mi sono piaciute l’atmosfera goliardica, ma anche la tecnica cuciniera, le idee balzane, gli accostamenti bizzarri, gli azzardi impensabili. La realizzabilità delle ricette (sì, perché nonostante le apparenze, sono proprio ricette, con tutte le loro cosine al loro posto). Perché sono comunque idee divertenti, anche quando sembrano strampalate. E prima o poi il tacchino con la fanta me lo farò (è a pag. 132).

Sento una vocina che chiede: “Ma la ricetta della torta di mars poi c’era?”.

Beh – comprate il libro, e cercatevela!

Francisco

con Paolo Quilici

Le ciccionate. 150 ricette esagerate, low cost e senza sbatti

Rizzoli

192 pagine, 12,00€

Emanuele Bonati

Le foto della presentazione sono di Bruno Cordioli

Submit a Comment