Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | August 9, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Il BlogVs delle Donne: tre domande ad Anna Maschio

Il BlogVs delle Donne: tre domande ad Anna Maschio
Emanuele Bonati

Ecco le nostre tre domande ad Anna Maschio, responsabile della comunicazione nell’azienda di famiglia, Bonaventura Maschio, ambasciatrice di Primeuve nel mondo, a suo agio fra gli alambicchi come sui tacchi a spillo…

 

Quanto è importante la comunicazione in un’azienda come la vostra?

Fondamentale. La distillazione è una magia avvolta di mistero, e lo è per la grande maggioranza del pubblico – ma anche tra gli appassionati la confusione fra le varie tipologie di distillati è grande. Per questo motivo ci piace condividere all’esterno la nostra passione e le visioni che indirizzano il nostro lavoro, raccontare il miracolo che avviene quando l’alambicco trasporta tutti i profumi delle nostre uve in quella preziosa gocciolina trasparente e profumatissima che poi finisce nel bicchiere.

 

La laurea in Lettere Classiche: cosa significa? Un tentativo di allontanarsi da una strada segnata in partenza, una esigenza personale, o piuttosto un tassello di un percorso comunque orientato in una direzione “culturale”?  

Ero giovane e romantica 🙂 e ho studiato quello che mi appassionava: se tornassi indietro lo rifarei un milione di altre volte. In quegli anni però avveniva una transizione importante nell’azienda della mia famiglia: da distilleria tradizionale di grappa stavamo diventando anche produttori di distillato d’uva. Un cambiamento che ha investito tutto, la materia prima, naturalmente,  gli studi per ricercare l’eccellenza in ogni fase produttiva di un’acquavite che non aveva ancora un’identità vera e propria ma si faceva largo nei nostri progetti grazie alle sconfinate possibilità che offriva.  Non potete immaginare che incanto i profumi che emanavano dagli alambicchi. Sono stati quei profumi che mi hanno fatto ritrovare la via di casa.

 

Come convivono la donna e la manager?
Che cosa ha portato in più la tua presenza a PrimeUve? 

La grappa negli ultimi decenni ha avuto una svolta che l’ha portata ad essere un prodotto molto più morbido di quello che era ai tempi degli alpini, e con l’avvento del distillato d’uva questa ricerca di eleganza e armonia è diventata ancora più estrema. C’è molto di femminile nella distillazione di Prime Uve. Come in una famiglia, anche in un’azienda è normale, e anzi salutare, che i vari componenti abbiano bagagli di esperienze e caratteri diversi. E’ proprio lì la ricchezza culturale di un insieme di persone. Io, con il mio approccio umanistico e creativo e con i miei studi in lettere classiche, ho sicuramente regalato alla mia famiglia e alla mia azienda un punto di vista, un’angolazione che magari persone come mio padre e mio fratello, con studi alle spalle più pertinenti a quella che è una gestione aziendale,  avrebbero difficilmente avuto. Mi piace pensare che la nostra comunicazione negli ultimi anni somigli un po’ anche a me: sorridente e scanzonata, senza esagerare.

_DSF6645

Anna Maschio sui social:

www.facebook.com/a.maschio

twitter @annamaschio

Submit a Comment