Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | February 28, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

La frase della settimana

Emanuele Bonati

“Spero di non offendere nessuno con questo parere, ripeto, strettamente personale, ma confesso che, come forse la maggior parte degli italiani, tra quattro fagiolini che circondano un minuscolo pezzettino di carne e un piatto di pappardelle al sugo di lepre, preferisco la seconda opzione”. Ilaria Borletti Buitoni

“Citando con fare sbrigativo quattro fagiolini, la signora dimostra di non tenere in conto un altro bene prezioso: l’agricoltura e il lavoro che c’è dietro quei quattro fagiolini. Ma forse lei preferisce come molti altri una bella lepre congelata che arriva dall’Argentina.” Salvatore Tassa
“È il suo tentativo di “far parte” e comprendere “il popolo”. È una frase con chiaro intento demagogico e non una dichiarazione di un rappresentante della politica e della cultura italiana che ha il dovere di esaminare in maniera più approfondita i nostri fenomeni culturali. E la cucina in italia è un fenomeno culturale. E iniziamo dalle basi: una cosa è sfamarsi altro è l’alta cucina. Si incontrano ad un certo punto ma non si sovrappongono”. Cristina Bowerman
“Trovo la distinzione del sottosegretario Borletti poco felice. Non esistono piatti buoni o piatti cattivi. Ma solo piatti preparati bene o preparati male. Un buon piatto di pappardelle lo si può mangiare in una buona trattoria come in un ristorante di alta cucina.” Pier Giorgio Parini

“Sempre più spesso succede che il “grande piatto di pappardelle venga servito fuori stagione e che il microscopico pezzo di carne provenga da un allevamento o un produttore che ha investito tempo e denaro per esaudire un suo sogno di “bontà” e senza lo chef che cucina quel pezzettino di carne, nessuno verrebbe a conoscenza delle fatiche di un imprenditore italiano senza più aiuti dallo Stato. Firmato Dino de Bellis. Oste che si emoziona ancora davanti a un piccolo piatto fatto bene”. Dino de Bellis

“De gustibus.” Davide Oldani

“È il delirio di una snob calvinista, tutta retroguardia e qualunquismo”. Fulvio Pierangelini

* * *

grazie a Vincenzo Pagano
http://www.scattidigusto.it/2013/05/24/ilaria-borletti-buitoni-preferisce-le-pappardelle-allalta-cucina/

Submit a Comment