Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | November 20, 2017

Scroll to top

Top

5 Comments

Tanto CibVs QuantoBasta: The Social #Bacari

Anna Maria Pellegrino

Confesso che trovo Twitter molto più intrigante di Facebook, se non altro perché in 140 caratteri si arriva subito al sodo – ed è quello che è accaduto fra un tweet e l’altro mentre una TL [time line, ndBlogVs] particolarmente gaudente elucubrava attorno a dei termini oscuri quali #bacari, #cicheti, #ombre e #ombristi.

Si rese necessaria una spiegazione sintetica ma efficace: “bacaro” è il tipico vecchio bar veneziano. Avete presente un lounge bar? Ecco, tutta un’altra cosa. Il vero bacaro viene vissuto dai veneziani e dagli studenti quasi come una filosofia di vita. I “foresti”, ovvero i turisti che credono che Venezia sia solo San Marco e Strada Nova, non lo conoscono e forse non lo comprendono…

Il bacaro apre alle 8.00 e chiude alle 20.00. “Anca massa” [anche troppo, ndBlogVs: ah, queste blogger, poliglotte...] fu la risposta di un oste di fronte alla domanda di un foresto che chiedeva come mai non prolungasse l’orario dell’happy hour. Si inizia con il caffè corretto per continuare con l’“ombra”, unità di misura alcolica che la tradizione vuole prenda il nome dall’usanza antica dei venditori ambulanti di vino di proteggere la loro mercanzia sotto l’ombra del Campanile di piazza San Marco.

“Dame un’ombra e un cicheto” ovvero accompagno il bicchiere di vino con uno stuzzichino goloso, altro che patatine lofie [ovvero scialbe] e bagigi [alias arachidi] così privi di fascino. Del resto il veneziano per “cicheto” intende: crostino con bacalà mantecato, moscardini, l’oveto sodo co l’aciugheta, la polpeta de carne, a rodea de museto (fetta di cotechino per le feste) e in stagione moeche e castraure (granchi di laguna catturati durante la muta e fritti, e piccoli carciofi violetti coltivati nell’isola di Sant’Erasmo).

In tutto il resto del mondo i bar vengono visitati dai clienti, qualche volta occasionali: a Venezia nei bacari ci vanno le “batterie”, ovvero gruppi di clienti storici che girano di bacaro in bacaro. Le batterie sono composte da “fioi” (ragazzi, anche di un tempo) – che si suddividono in ombristi, professionisti, semiprofessionisti e amatori, in base alla capacità di reggere l’alcool. Accade che alcune batterie siano formate anche da ex-ombristi, ovvero professionisti dell’ombra ai quali il medico ha assolutamente impedito di bere, e quindi si accontentano di “ombre” d’acqua pur di stare in compagnia dei “veci amissi”.

La spiegazione deve essere stata esaustiva perché il tweet successivo è stato “quando organizziamo?”.

Detto, fatto. Sabato 28 gennaio ci si incontrerà alla Stazione di Santa Lucia e da lì si inizierà un bacaro tour che ovviamente non sfiorerà Piazza San Marco ma luoghi, colori, chiacchiere e sapori della Venezia più vera. Quella che i veneziani vivono ogni giorno. Percorso ed emozioni che saranno raccontate fra qualche giorno.

Non lo considero un “evento” ma un “momento” da condividere con amici e conoscenti, che magari ancora non lo sono ma che potrebbero anche diventarlo, circondati da una città che non smetterà mai di stupire. Non è già questo un evento?

Anna Maria Pellegrino

lacucinadiqb

Comments

  1. Francesca

    Ciao, ma si potrebbe sapere che bacari avete visitati x chi come me ha perso il tour? Vivo a Venezia ma non ho molto tempo x esplorare e mi piacerebbe conoscere questi posti. Mi è piaciuta la tua introduzione culturale!

  2. @Ciao Francesca e grazie davvero! Fra qualche giorno posterò l’itinerario e, a grande richiesta, verranno riproposte delle altre date: ancora “corti sconte” (ovvero nascoste) in primavera, con itinerari diversi ma non meno gustosi, magari scoprendo le fondamenta, ovvero i gli spazi bagnati dalle acque della laguna. Te ‘speto! (ti aspetto ;)

  3. Filippo

    Ciao Annamaria, non vedo l’ora di vedere le foto del giro . Sono un affezionato tour-ista di bacari e anch’io ho organizzato tempo fa con amici “spedizioni” tra le bellissime calli.Purtroppo è da tempo che non ci vado e sarei molto felice di aggregarmi ai prossimi appuntamenti, magari per conoscere bacari nuovi!! Aspetto notizie.. (anche fuori twitter)

Submit a Comment

Current month ye@r day *