Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | June 16, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Pranzo In Pausa

Emanuele Bonati

L’iniziativa di beneficenza “Pranzo In Pausa” (http://pranzoinpausa.com/)  il 22 dicembre coinvolgerà Roma con un flash mob di raccolta fondi per i bambini del Bangladesh che vedrà anche la partecipazione degli utenti dei social network e di alcuni vip.

Si tratta di una campagna promossa da Unilever a sostegno del Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP), che ha lo scopo di donare 700.000 pasti ai bambini di Bangladesh e Indonesia. Il culmine della raccolta fondi è previsto alle 13 del 22 dicembre, quando i partecipanti (sia live che online) metteranno in pausa il loro pranzo, in attesa di raggiungere la quota prestabilita di donazioni.

Nel 2006 la multinazionale Unilever, i cui prodotti spaziano dalla maionese Calvè, alla linea cosmetica Dove, al Thè Lipton, ai gelati Algida, stabiliva una partnership globale con il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (WFP) chiamata ‘Together for Child Vitality’. Scopo dell’ iniziativa, che prosegue ancora oggi sotto il nome di Project Laser Beam, è sradicare la povertà e la malnutrizione infantile, focalizzando l’ attenzione su una specifica parte del globo.
Dal 2007 ad oggi, grazie a questo progetto, ed a questa partnership, migliaia di persone sono state coinvolte in attività di raccolta fondi, in ben 50 paesi differenti. Famoso il World Food Day, un’iniziativa lanciata dalle Nazioni Unite più  di trent’anni fa, sposata da Unilever nel  2008,  e Walk The World, una corsa mondiale  della durata di 24 ore allo scopo di porre  l’attenzione pubblica sul  problema della malnutrizione. Walk the World solo nel 2010 ha raccolto la partecipazione di 150.000 persone, in 70 diversi paesi del mondo. Unilever in Italia da anni partecipa a queste iniziative e organizza raccolte fondi: negli ultimi due anni ha contribuito al progetto di alimentazione scolastica del WFP, donando circa 1 milione di pasti.

L’anno scorso Unilever rinnovava la sua collaborazione globale con il WFP insieme ad altri tre partner di prim’ordine:  DSM, Kraft Foods e Global Alliance for  Improved Nutrition, dando vita a Project Laser Beam, un piano  d’ intervento concreto per combattere la fame nel mondo.
Cinque le chiavi d’intervento stabilite dal Project Laser Beam per rendere immediato il miglioramento delle condizioni di vita dei bambini: dare la certezza ad ognuno di essi di trovare cibo all’interno della propria casa, aumentare i valori nutrizionale degli alimenti consumati giornalmente, migliorare le pratiche igieniche, aumentare in maniera decisa il trattamento per i casi di malnutrizione, e per concludere migliorare l’allattamento per i neonati, intervenendo in primis sulla nutrizione delle madri.  Per fare ciò Unilever ha scelto, per il primo anno,  di focalizzare il  proprio contributo sulla regione dello Satkhira, area  del sud – ovest del Bangladesh, e sull’Indonesia, considerando il dato sconcertante che quasi un quarto della popolazione mondiale dei bambini che soffrono di malnutrizione, si trova proprio in quell’area.
Il progetto Pranzo in Pausa va dritto al cuore del problema della malnutrizione infantile, problema che Unilever da anni cerca di affrontare coinvolgendo i propri dipendenti e i propri consumatori. Pranzo in Pausa vuole unire gli italiani ed invitarli a sedersi  davanti alla stessa tavola, in un unico immenso pranzo virtuale la cui partecipazione è libera e spontanea e i cui ospiti d’onore saranno i bambini del Bangladesh e dell’Indonesia.
E, come in una vera famiglia, un pranzo non inizia finché non ci sono tutti, così la pausa pranzo, o il Pranzo in Pausa, non avrà inizio finché a tavola non si saranno seduti anche i bambini del Bangladesh e dell’Indonesia, cioè finché non sarà raggiunta una considerevole somma di donazioni.

Scopo di  questa inziativa charity è donare 700.000 pasti per i bambini dello Satkhira, dove un pasto costa solo 0.20 centesimi di euro.

Per maggiori informazioni, per aderire, per donare o prendere parte al flash mob: www.pranzoinpausa.com

Submit a Comment