Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | January 25, 2021

Scroll to top

Top

No Comments

L’AntipatiCibVs: modesta proposta per utilizzare i lavavetri all’angolo

Emanuele Bonati

Sul vialone che porta al Monumentale, al semaforo, ci sono spesso giovani e meno giovani ragazzi e ragazze che si offrono di lavare i vetri alle auto ferme in attesa del verde (ok, a volte non è proprio che si offrano gentilmente, anzi sembrano quasi assaltare i parabrezza altrui, anche se perfettamente puliti). Non sarà un grande lavaggio, ma troppo male non fanno.

Nelle vie che si dipartono dal vialone, dalla piazza, ci sono molti locali bar ristoranti e altro. Ti attirano le insegne, a volte anche la fama (l’Antica Trattoria della Pesa è un classico milanese…). Ad esempio, questo negozietto dall’insegna anonima, ma dai profumi solleticanti – vediamo cosa offre…

Vediamo?

Vediamo la nebbia, l’untume, la polvere dei secoli, le ere geologiche di particelle di carbonio, di piombo, depositate sulla vetrina. Accade spesso di trovare negozi dai vetri impolverati  – e solitamente hanno su di me un effetto repellente. Non concepisco un negozio qualsiasi con la vetrina sporca unta bisunta – figuriamoci un locale che vende commercia alimentari, sia freschi che confezionati – e figuriamoci poi un posto dove si mangia.

Lavavetri al semaforo. Vetrine sporche. Comincio a intravedere una funzionale soluzione…

Ah, non ci sono foto di questo locale – il vetro troppo sporco impediva la visione all’obiettivo.

Emanuele Bonati

Submit a Comment