Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | September 26, 2022

Scroll to top

Top

2 Comments

CibVs legge…. Lo chef è un dio di Ilaria Bellantoni

Emanuele Bonati

Diciamo che l’autrice non si vuole presentare come una personcina simpatica, anzi; diciamo che dopo poche pagine, o righe, capisci che l’autrice racconterà peste e corna del cuoco dei cuochi della cucina; diciamo che all’ennesimo proclama un po’ sopra le righe (sono scesa dal jet, manoloblahnik, madonna, io ho intervistato, sono stata, mi ha telefonato) – pur se giustificato – provi un vago prurito; diciamo che una serie di mantra (i cuochini, i nomignoli, le piccole fiammiferaie e su tutto io odio cucinare) sono tutti tanto troppo usati abusati e prevedibili; diciamo che peraltro l’unica cosa veramente carina è la continua interferenza di Peg Bracken, autrice appunto, nel 1960, di Io odio cucinare; diciamo che l’atmosfera di violenza e terrore che avvolge i passaggi del grande chef (violenza fisica, picchia selvaggiamente i cuochini… o no?) perde un po’ di allure se consideri che son tutti più o meno coscienti e non incatenati ai fornelli, e che se accettano eventuali ipotetici maltrattamenti, beh, il gioco varrà ben la candela; diciamo che chiamare la via del famoso ristorante col nome di un personaggio chiave del romanzo scritto dal reale titolare della via stessa, beh, è un gioco facile (per carità, tutto è giocato sulla facilità dell’identificazione, ma insomma); diciamo che ci sono annotazioni osservazioni spunti interessanti, come le interviste; diciamo che se qualcuno ha realmente ipotizzato il ricorso a un correggimento fisico dell’autrice, diciamo, è sicuramente deprecabile, ma se non giustificabile perlomeno comprensibile…; diciamo che se il libro fosse stato “sono andata da CC in via VH e io odio cucinare sono venuta via avendo imparato tante cose ma non mi piace cucinare ma che bella esperienza però” forse non avrebbe venduto moltissimo.

Emanuele Bonati

Tags

Comments

  1. Ema, quindi? lo devo leggere o no? 🙂

  2. Io non mi sbilancio più di tanto… secondo me bisogna sempre leggere tutto senza farsi troppo influenzare, io avevo letto qualche polemica ma avevo comunque deciso di leggerlo, e senza preconcetti…

Submit a Comment