Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | September 26, 2017

Scroll to top

Top

No Comments

Una nuova amica: intervista a Giovanna Nobile

Emanuele Bonati
Una nuova rubrica e una nuova amica. Ai nostri amici-collaboratori si aggiunge infatti una nuova cuoca-rubrica… Che tipo di cuoca? diciamo una cuoca poliedrica, dai molteplici interessi culinari e non solo, che fa un po’ di tutto…
Ok: la nostra amica è La cuoca eclettica, alias Giovanna Nobile, autrice di centinaia di ricette raccolte in bell’ordine sul suo blog, e che si interessa anche di lettura, di fotografia, e – come vedremo – di tè.


Ma chi è Giovanna? Cosa fa, oltre a elaborare cucinare fotografare pubblicare assaggiare imbandire…?

Leggo, principalmente letteratura russa e francese. Mi piacciono tantissimo Tolstoj, Proust e Balzac. Ovviamente riviste e libri di cucina. Bevo moltissimo tè, la mia bevanda preferita. Faccio passeggiate in campagna e quando ho un po’ di tempo libero vado sul lago di Garda.

Perché un blog – anzi, questo blog?

L’idea iniziale era mettere in ordine le mie ricette. Avevo un quaderno pieno di appunti, fogli volanti, postit e foto di piatti finiti o eseguite durante le fasi di lavorazione. L’idea de La cuoca eclettica è nata in un pomeriggio di primavera: mentre sistemavo, catalogavo le foto, scrivevo un articolo di letteratura mi è venuta l’idea del blog e così l’ho sviluppata.

A una prima scorsa, al di là dell’accuratezza o dell’appetitosità delle varie ricette, si nota subito che ognuna è in qualche modo (almeno come suggerimento) abbinata, oltre che a un vino, a un tè…
E allora – quali sono i tuoi piatti preferiti, i vini del cuore, i tè d’elezione…?

Per i piatti è semplice. Ho una predilezione per i primi piatti, il pesce e i lievitati. Per il vino il discorso è più complicato. Non ho un vino preferito, non costruisco un piatto o un menù intorno al vino. Di solito lo scelgo in base al piatto e all’ispirazione e lo ritengo un importante coronamento di un pranzo. Il tè, invece, è la mia bevanda di elezione. A volte preparo un pranzo intero ispirata da un tè. Oppure creo ricette dove il tè è l’ingrediente fondamentale. Comunque, non ho un tè preferito, neri, verdi, bianchi, oolong mi piacciono tutti. Per me è più importante la qualità di un tè, la modalità di preparazione. Amo meno i tè aromatizzati. Comunque un pasto senza l’abbinamento di un buon vino o un buon tè mi sembrerebbe incompleto.

Come nasce il tuo amore per la cucina?

Dall’amore per la convivialità. Anche se cucino da sola, mi piace pensare alla cucina come un luogo di incontro fra amici,  dove fra una chiacchiera e un tè, è immancabile!, c’è chi impasta, chi prepara la pasta fresca, chi si occupa del sugo e così via. Un altro aspetto che mi fa amare la cucina è la creatività.

Vorrei un tuo parere su un argomento che ho già trattato con altri nostri amici-collaboratori. La novità nel mondo dell’enogastronomia, food e quant’altro è senza dubbio la diffusione quasi virale del popolo dei blogger – di cui peraltro facciamo parte anche noi. Secondo te si tratta di un fenomeno positivo, di diffusione della conoscenza, delle informazioni, o piuttosto di un mero affastellarsi di ricette e varianti di ricette che tendono un po’ all’autoreferenzialità?

Condensando ai minimi termini la risposta, posso dirti che dipende dallo spirito col quale si “gestisce” il blog. Se lo si fa con l’idea di mettere in rete e scambiare con altre persone appassionate di cucina le proprie conoscenze e informazioni è un fenomeno senz’altro positivo.

Un ulteriore aspetto di questo fenomeno è il passaggio dai blog alla carta stampata. Si fa tanto parlare di multimedialità, di sapere on line, di superamento del supporto cartaceo a favore dell’interattività virtuale, e poi… Insomma: quando pensi di pubblicare un tuo libro?

Mi piacerebbe, ma non è così semplice. Al momento sono concentrata sul blog, poi, chissà…

E per finire: cosa scriverai nella tua rubrica su BlogVs??

Nella mia rubrica – Buon CibVs col tè! – mi  occuperò della mia grande passione, il tè. Partendo dalla classificazione e modalità di preparazione, parlerò del tè sia come bevanda, quindi abbinata ai cibi dolci e salati,  che come ingrediente di piatti dolci e salati e poi…. vedremo. Ho già qualche idea.

Benissimo… sono impaziente di leggerti. Io lo prendo con un velo di latte, grazie!


Emanuele Bonati

Submit a Comment

Current month ye@r day *