Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | August 9, 2020

Scroll to top

Top

3 Comments

Qui Milano: Cosa succede in città da Isa e Vane, Meatbar, Birrificio Milano, Ginrosa, e…

Qui Milano: Cosa succede in città da Isa e Vane, Meatbar, Birrificio Milano, Ginrosa, e…
Emanuele Bonati

Cosa può succedere? Posti che chiudono, altri che aprono, si espandono, altri ancora che festeggiano…

Stasera si festeggia il primo compleanno di Isa e Vane, il simpatico locale-gastronomia-takeaway-bevi-qui, dall’aria rassicurante e familiare, di via Perugino 1: di questi tempi, un’avventura che va bene (e noi ci siamo trovati bene) merita sicuramente di essere festeggiata. Party dalle 18:30: ci saremo.

Un’aria diversamente “familiare” ha invece una nuova apertura in fondo a via Solferino: Meatbar de Milan. Chissà cosa mi ricorda… Ah, sì, un altro locale “de Milan”. Una coincidenza preoccupante?

foto[2]

Potrebbe essere preoccupante per un blog politacally correct come si deve dar conto di un bar – ehm, ristorante carnivoro senza preoccuparmi di dar voce anche a un corrispettivo vegetariano. Anzi, addirittura vegano, e soprattutto porta-a-porta col Meatbar: un nuovo Universo Vegano.

foto

Nasce invece in un vecchio capannone di una vecchia fabbrica (la Caproni Taliedo, un pezzo di storia dell’industria, dell’aeronautica, di Milano) fra via Mecenate e viale Forlanini il nuovo Birrificio Milano. Qualche giorno fa l’inaugurazione ufficiale, tra fiumi di birra e assaggi vari. Che vi racconteremo prossimamente.

2014-09-25 18.50.26

2014-09-25 18.52.17

Ancora stasera – è un duro lavoro, ma qualcuno deve pur farlo – lo chef Massimo Moroni, che ha lasciato il Don Lisander, inizia una collaborazione con lo storico Ginrosa in San Babila. Cena di presentazione – è un duro lavoro, eccetera…

Invece non ci sono più da Eataly Smeraldo i panini di di ’Ino, ovvero Alessandro Frassica, tornato, a quanto pare, a Firenze.

foto[1]

Novità anche da Coin in piazza 5 Giornate: era un po’ che non ci passavo, attratto ovviamente da eataly Smeraldo: e l’Eataly vecchio e (quasi) storico ha lasciato il posto a un nuovo Eat’s, che si aggiunge a quello di corso Vittorio Emanuele, all’Excelsior (per noi anziani che chiamiamo i posti nuovi ristrutturati ancora con i nomi vecchi…). Il 10 ottobre, l’inaugurazione.

I5JLNuMsD4wslzLCmFWv__J3eCte6g0BzeIAguHNfBPUJM-VHGE-0CPX4pYDUjK3hsJd37MA5iw8giWuK-c9WU33okq8MBZmRQZlVWybpA=s0-d-e1-ft

Emanuele Bonati

 

Comments

  1. Ilaria

    Gentilissimo Emanuele,
    Meatbar de Milan non è una coincidenza, è nato dallo stesso team creativo che lo scorso febbraio ha dato vita a Fishbar de Milan
    Questa volta, però, i riflettori sono puntati sulla carne, selezionata e lavorata con passione in tutte le sue declinazioni. In una location suggestiva dove stile industriale, elementi vintage, ricerca di materiali e cura dei dettagli si mixano creando un’atmosfera accogliente, Meatbar de Milan porta avanti un nuovo modo di concepire la ristorazione con un menù sorprendente creato con la consulenza del poliedrico chef italo-olandese Eugenio Boer, già protagonista della cucina di Fishbar de Milan.
    Un menù che tocca le principali cucine internazionali, dalle chicken wings e ribs americane all’orientale thai soup, dal panino con pastrami ai burritos sudamericani, senza tralasciare snacks sfiziosi come le bitterballen olandesi o il crostone con salsiccia mantovana cruda e provola e gli immancabili hamburgers di black angus e di pollo alla brace, da completare a proprio piacimento con condimenti ideati per ogni palato, il tutto accompagnato da salse e contorni preparati giornalmente dagli chef con prodotti freschi, genuini, biologici e di qualità.
    Da non perdere tutte le proposte alla brace cotte con il forno Josper, un forno che funziona al 100% con legna e carbone vegetale, per garantire alla carne un gusto e una tenerezza unici. Carni selezionate tra le più pregiate al mondo (Canada Heritage Angus, Black Angus USA, Irish Aberdeen Angus, Piemonte, Australia) e provenienti da allevamenti eticamente sostenibili, dove gli animali, liberi al pascolo, sono alimentati a base di granoturco e fieno, nel pieno rispetto per l’ambiente, la fauna e la salute dell’uomo. Offrire prodotti buoni, sani e di origine controllata è la filosofia di Meatbar de Milan che, inoltre, ha deciso di portare in tavola solo pane artigianale preparato con lievito madre.
    Sulle lavagne, presenti all’interno del locale e aggiornate dagli chef, si possono trovare i tagli di carne speciali del giorno, una selezione di birre artigianali e di vini biologici e biodinamici.
    La maggior parte delle proposte, segnalata nel menù da una piccola carriola, è disponibile anche take away e per chi, prima di andare a casa, volesse deliziare anche il proprio amico a quattro zampe, è possibile richiedere la Doggy Bag.

  2. Cara Ilaria,
    il mio parlare di “coincidenza” era certamente ironico, è evidente che è tutta farina che esce dallo stesso sacco.
    Ironia diretta anche verso Eugenio, che al solito non mi ha fatto sapere nulla di questa nuova apertura – ma a me non sfugge nulla, Boer, sappilo!

  3. Ilaria

    Ciao Emanuele,
    immaginavamo. Comunque fammi sapere quando sei disponibile nelle prossime settimane così organizziamo un pranzo con lui nel nuovo locale.

    A presto!

Submit a Comment