Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | May 25, 2022

Scroll to top

Top

2 Comments

BlogVs da leggere: “La brioche” di Emanuele Bonati

Emanuele Bonati

Di tanto in tanto, Dissapore sceglie dei libri da regalare come premio ai lettori che partecipano, con un proprio elaborato, a questo mini-contest. Settimana scorsa il premio era Regali golosi di Sigrid Verbert, pubblicato qualche mese fa da Giunti. Ovviamente, l’invito rivolto da Massimo Bernardi era di raccontare il regalo più goloso ricevuto, e perché, e percome. Ho partecipato – anche perché mi è tornata subito in mente una brioche, che se ne stava da qualche parte, addormentata. E ho vinto (devo dire, visto che sono notoriamente modesto, che ho anche ricevuto molti complimenti, non so se per aver leggermente virato sul patetico, o cosa… ma questi commenti ve li risparmio: potete leggerli qui): ecco quindi che ho pensato di riproporre la mia storia…

Con “Una brioche” inauguriamo una nuova rubrica di BlogVs: “BlogVs da leggere“: testi, più o meno lunghi, accompagnati o meno da una ricetta, che si propongono come veri e propri racconti, o nel mio caso raccontini, che abbiamo scelto o scritto appositamente per il nostro blog. Inizio io per il discorso di modestia cui accennavo prima – ma soprattutto perché se fossi arrivato sotto i vostri occhi dopo il bellissimo racconto di Liccamuciula che pubblicheremo nelle prossime settimane, mi sarei veramente vergognato…


Una brioche. Fatta in una panetteria pasticceria dietro l’angolo, ma comunque una normalissima brioche.
Dev’essere successo una decina d’anni fa, ai tempi del mio innamoramento per una collega d’ufficio. Lei veniva da fuori Milano, scendeva alla stazione di Milano Bullona (bella – che ora non c’è più… ma non c’è più nemmeno la collega… e neanche il nostro amore, se è per questo…). Io arrivavo in auto, posteggiavo nel cortile interno dell’ufficio, andavo a prendere il giornale, il caffè, e intanto lei arrivava, ritardi ferroviari permettendo. Ai tempi ero già sul grassottello, per usare un eufemismo – no, che eufemismo, ero grassottello, ma non esageratamente. E lei cercava già di mettermi a dieta, di frenare i miei appetiti, la gola che mi portava fuori dalla retta via.
Quella mattina, invece di tornare verso l’ufficio dopo aver preso il giornale, senza pensarci mi sono incamminato verso la stazione, nella direzione da cui doveva arrivare. Avevo voglia di vederla presto, subito. Se non ricordo male (ma non so bene – la fine dell’amore ha coinciso con la fine dei ricordi, dei tempi, lasciando solo una sensazione di bello e di felicità passata), la sera prima eravamo stati assieme. Ma avevo voglia di vederla, quasi senza rendermene conto. E pensavo, ecco, adesso svolta l’angolo. E in effetti in quel momento lei svoltò l’angolo, mi vide, mi sorrise. Felice. Felici entrambi. E da lontano vidi che aveva in mano un pacchettino, uno di quei sacchettini bianchi da fornaio. Uno di quei sacchettini giusti giusti da brioche. Vedevo la brioche dentro il sacchettino, ne sentivo l’odore, anche se eravamo ai due capi opposti dell’isolato.
Mi ritrovai accanto a lei. Un bacio. La brioche era per me, perché se dovevo dimagrire?, perché ero bravo, perché mi amava, perché non lo so. Avevo il magone dalla felicità.
La brioche era buona, ottima. Mai mangiate di così buone. Pensavo che la mia vita sarebbe stata sempre così, con lei e con una brioche nel sacchettino, sbocconcellata saltellando (metaforicamente, ma non ci giurerei) verso il lavoro.

Emanuele Bonati

Comments

  1. che bella storia! bravo, premio strameritato! pensa afare una brioche coi lieviti del colfondo? ma usando il feccino…. il pane èvenuto strabuono quando l’ho fatto, adesso mi studio come si fa l’impasto delle brioche e vedo di provare a farne un pò questo inverno, se riesce vengo a fartela assaggiare 🙂

  2. Che bella idea – quella di usare i lieviti…
    Che BELLISSIMA idea – di te che arrivi col paniere ricolmo di brioche——

Submit a Comment