Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

BLOGVS | April 19, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

L’AntipatiCibVs: Mangiare alla Fiera degli Oh bej Oh bej

L’AntipatiCibVs: Mangiare alla Fiera degli Oh bej Oh bej
Emanuele Bonati

La Fiera degli Oh bej Oh bej, o di Sant’Ambrogio, si tiene a Milano – giorno più giorno meno – fra sant’Ambrogio e l’Immacolata. Col passare degli anni è diventato un gran mercatone, si è spostata dalle viuzze attorno alla basilica di Sant’Ambrogio (problemi di sicurezza, viuzze troppo strette, troppa gente…) al Castello.

Mercatone, abbiamo detto – bancarelle di tutto un po’ (peccato siano sparite quelle dei cosiddetti “alternativi”, che offrivano sempre qualcosa di diverso, anche se ormai si stavano omologando anche loro). Qualche genere alimentare – frutta secca, candita, torroni, funghi, prodotti regionali – resistono dal tempo che fu solo le bancarelle coi marroni di Cuneo infilati in lunghe collane.

2014-12-06 16.40.51

2014-12-06 16.44.24

2014-12-06 16.38.06

E cosa si mangia? Ci sono gli ormai onnipresenti camioni kilometrici di panini con la salamella la porchetta (che ci tengono a precisare non è Peppa Pig ma Giuseppa la Maiala) e generi assortiti del genere. I camionicini delle caldarroste.

2014-12-06 16.36.44

2014-12-06 17.18.37

E poi ci sono i banchetti che vendono le frittelle (quelle che Sonia Peronaci ha battezzato Frittelle del Luna Park). Nel tempo si sono arricchiti di bomboloni vari, improbabili cannoloni alla crema e così via: un tocco d’esotismo è dato dai churros; ma il prodotto principe resta il frittellone fritto nell’olio (non so quanto rinnovato, lo dico per i neo-igienisti) e impiastrato di zucchero. Una delle delizie trashfood, degli alimenti più gratificanti e nutrizionalmente scorretti, una delle passioni della mia infanzia.

2014-12-06 16.26.04

Inutile dire che quelle che sono in commercio oggi sono solo un pallido ricordo delle bontà di una volta: l’unica parvenza di sapore è lo zucchero, per il resto, gomma, pane, un po’ di tutto, tranne la “frittella-di-una-volta”…

E ovviamente la moda dell’anno: fritta, inzuccherata, cosparsa di Nutella, piegata in due e servita così… O tempora, o mores…

Emanuele Bonati

Submit a Comment